Progetto di Tirocinio

Come compilare il progetto di tirocinio
Questo documento è rivolto agli studenti del corso di studi in scienze dell’educazione che devono presentare il progetto di tirocinio pre lauream e sono stati assegnati alla supervisione del professor Paolo Cottone.
Le parti che compongono il progetto di tirocinio sono:
Titolo
Obiettivo principale
Contesto
Obiettivi specifici
Attività
Valutazione

Titolo
Il titolo deve essere indicativo del progetto che verrà svolto. Può essere strutturato in titolo e sottotitolo.

Obiettivo principale
L’obiettivo principale deve essere espresso in termini specifici.
Deve essere messa in risalto l’utilità per la comunità scientifica e professionale data dal raggiungimento dell’obiettivo
Potete aiutarvi rispondendo alle seguenti domande:
A quale quesito non avete trovato risposta durante i vostri studi?
Confidate nelle tecniche e strumenti educativi che avete appreso o pensate che in alcune situazioni possano essere insufficienti/inadatti?
Avete appreso delle tecniche o strumenti (anche all’esterno del vostro percorso universitario) e non ne conoscete la validità in un contesto educativo?
Quali utilità può avere per la comunità scientifica e professionale, o per l’ente che vi ospiterà, trovare una risposta a queste domande?
Quali sono, se ve ne sono, i vantaggi per l’utenza dati dal raggiungimento dell’obiettivo generale?
Completata la stesura dell’obiettivo principale dovrete presentare il lavoro alla struttura che avete selezionato. Cercate di suscitare l’interesse del vostro tutor rispetto all’obiettivo del vostro progetto
Considerate però che dovrete, molto probabilmente, negoziare alcuni aspetti con il vostro tutor.

Contesto
La descrizione del contesto della vostra attività di tirocinio dovrà contenere sia informazioni sulla tipologia di struttura, sulla storia della sua fondazione e sulla sua localizza
zione territoriale, sia la descrizione degli spazi, delle professionalità coinvolte e della tipologia di utenza.
Per compilare questa parte potete chiedere le informazioni al vostro tutor, non sempre il sito web o il materiale informativo sono aggiornati.

Obiettivi specifici
L’obiettivo principale che avete descritto, dovrà essere scomposto in sotto obiettivi, o meglio obiettivi specifici.
Il raggiungimento di tutti gli obiettivi specifici consentirà il raggiungimento dell’obiettivo principale.
Cercate di definire gli obiettivi specifici indicando quale è il risultato atteso per ognuno e come questo concorre al raggiungimento dell’obiettivo principale.

Attività
Le attività sono strettamente collegate agli obiettivi specifici.
Andranno negoziate con il tutor e dovranno essere descritte nel dettaglio fornendo informazioni che permettano una facile valutazione al termine del progetto.

Valutazione
Dovrete descrivere gli strumenti che utilizzerete per la valutazione ed i parametri per cui è possibile giudicare la riuscita del progetto. Se ad esempio volete avvalervi di griglie di osservazione, descrivete la loro struttura. Indicate anche i momenti in cui effettuerete la valutazione.
Ricordate che i dati che raccoglierete andranno presentati in fase di valutazione finale del tirocinio.


Esempio

Titolo
Educazione alimentare 0-3:
Prevenzione primaria personalizzata per l’educazione alimentare dei bambini da 0 a 3 anni.

Obiettivo principale
Il presente progetto affronta la tematica dell’educazione alimentare all’interno di un asilo nido.
L’alimentazione, uno degli aspetti che più incide sulla qualità della vita e sul benessere di ogni individuo, necessita di uno “spazio educativo” privilegiato al fine di far acquisire corrette abitudini fin dalla prima infanzia.
L’obiettivo principale è quello di fornire ai famigliari degli utenti una completa informazione sulle corrette abitudini alimentari con specifici riferimenti per ogni singolo utente dell’asilo.

Il prodotto finale del progetto sarà un opuscolo suddiviso in due sezioni: una prima sezione contenente informazioni sull’alimentazione per i bambini di 0-3 anni, una seconda sezione dedicata alle informazioni specifiche per il singolo utente. Tramite questo opuscolo sarà possibile informare i genitori sulle abitudini alimentari del bambino in asilo e sui suoi comportamenti durante il pranzo in mensa.
Questo obiettivo presenta una duplice utilità. Da una parte l’opuscolo può costituire un valido supporto di prevenzione primaria, mentre dall’altra parte i dati raccolti sul comportamento degli utenti possono fornire un valido feedback per gli operatori dell’asilo.

Contesto
Il contesto in cui verrà condotto il progetto è l’asilo nido “Il Girasole”, una struttura convenzionata che sorge nel comune di Padova in una zona prevalentemente residenziale, all’interno di un comprensorio scolastico dove sono presenti anche una scuola primaria e una scuola media entrambe pubbliche. Il Girasole è una realtà abbastanza recente: fondato nel 1999 per volere di alcuni residenti della zona, e gestito dalla cooperativa omonima.
La struttura, di 370 metri quadrati, è composta da 4 stanze adibite alle attività, una sala mensa con cucina ed una zona uffici. Inoltre è presente un ampio spazio scoperto attrezzato con parco giochi.
All’interno del nido operano quattro educatrici coadiuvate dalla presenza di una psicologa ed una esperta in psicomotricità. La struttura può accogliere fino a 30 utenti e si rivolge prevalentemente alle famiglie che risiedono nella zona.

Obiettivi specifici
– Approfondimento delle conoscenze in merito all’educazione alimentare attraverso una raccolta e analisi della bibliografia di riferimento. Mediante alcune interviste con gli operatori della struttura sarà possibile delineare le pratiche ed i riferimenti adottati nello specifico contesto. Questo obiettivo consentirà di produrre la prima parte dell’opuscolo. Rilevazione delle conoscenze e i bisogni dei famigliari mediante un questionario appositamente costruito e somministrato nelle fasi iniziali del progetto. Il questionario andrà condiviso con gli operatori del nido. Questo obiettivo consentirà di produrre una comunicazione più efficace mediante l’opuscolo e di predisporre gli strumenti per la raccolta dei dati comportamentali
– Raccolta, mediante griglie di osservazione, dei dati sul comportamento degli utenti durante le pause per il pranzo e le merende. La raccolta sarà costante nel tempo per poter cogliere eventuali cambiamenti da parte degli utenti. I dati così raccolti verranno analizzati al fine di ottenere una dettagliata descrizione per ogni singolo utente che costituirà la seconda parte dell’opuscolo.
– Restituzione dei risultati del progetto ai famigliari e agli operatori. Sarà previsto un incontro con gli operatori per condividere i risultati delle osservazioni e accogliere suggerimenti. Verrà stabilito un protocollo di restituzione per i famigliari in cui verranno illustrati i contenuti dell’opuscolo e fornite spiegazioni individuali.

Attività
-Definire i contenuti dell’opuscolo: verrà condotta una ricerca bibliografica mediante il database opac di ateneo per raccogliere manuali sull’educazione alimentare. Dopo una prima stesura dei contenuti dell’opuscolo, si procederà con un confronto con gli operatori al fine di integrare i contenuti con informazioni specifiche relative al contesto.
-Costruire e somministrare il questionario iniziale: verrà predisposto un questionario per rilevare le abitudini alimentari dei bambini (cibi preferiti, grado di autonomia, informazioni sulla dieta) ed i bisogni delle famiglie (caratteristiche della famiglia, abitudini alimentari).
-Costruire le griglie di osservazione: le griglie di osservazione dovranno consentire una veloce annotazione di informazioni riguardanti: preferenze del bambino, reazioni a nuovi sapori, esplorazione manuale del cibo, comportamenti pro sociali di condivisione.
-Condurre l’osservazione strutturata: per la durata di un mese, quotidianamente, verranno compilate le griglie di osservazione durante le pause per il pranzo e le merende. Verrà selezionato un numero limitato di bambini per consentire una più agevole osservazione, si procederà poi ad una nuova selezione fino al completamento degli utenti.
-Organizzare le modalità di consegna dell’opuscolo ai famigliari: verrà predisposto uno spazio apposito per poter dedicare l’attenzione e il tempo necessari per la consegna dell’opuscolo ai famigliari e la spiegazione delle informazioni riportate sul bambino.

Valutazione
Durante la fase iniziale del progetto, in accordo con gli operatori, verranno stabilite le scadenze per il progetto.
Il progetto verrà sottoposto a costante valutazione attraverso l’utilizzo di un diario di bordo. Il diario di bordo verrà compilato quotidianamente e conterrà un resoconto dello stato di avanzamento del progetto. Inoltre durante la fase di osservazione verranno riportate anche eventuali note sui comportamenti degli utenti che non trovano spazio nella griglia di osservazione.
Eventuali ritardi rispetto ai tempi previsti verranno risolti riducendo il numero di utenti oggetto di osservazione.

Lascia un commento