Report finale del tirocinio

Come compilare il report finale di tirocinio
Questo documento è rivolto agli studenti del corso di studi in scienze dell’educazione che devono presentare il report finale di tirocinio pre lauream e sono stati assegnati alla supervisione del professor Paolo Cottone.

Il report finale di tirocinio è un documento che deve essere consegnato in segreteria al termine del tirocinio e sulla base del quale il tutor produrrà le valutazioni dell’operato del tirocinante. Inoltre in molti casi costituisce la base di partenza per la stesura dell’elaborato finale di Laurea. Pertanto si tratta di un documento cui dedicare la massima cura ed attenzione.

La struttura del documento
Il report finale del tirocinio è composto grosso modo dalle stesse sezioni del progetto di tirocinio. Nella prima parte del documento andrà riportato il titolo del progetto e l’obiettivo principale così come riportati nel progetto di tirocinio.

La seconda parte del documento dovrà contenere una descrizione del contesto (l’ente ospitante). In questo caso, a differenza del progetto di tirocinio, sarà sufficiente una breve descrizione del contesto, focalizzata maggiormente sugli artefatti (ambienti, strumenti, ecc) coinvolti nelle attività del progetto.

La terza parte del documento dovrà contenere la descrizione delle attività svolte. Può essere utile organizzare il testo per singole attività. Per ogni attività procedere con una descrizione dettagliata, riportando informazioni sulle tempistiche, sui partecipanti coinvolti e sugli artefatti usati. Infine descrivere gli strumenti di valutazione adottati e  i principali dati raccolti.

La conclusione del report sarà destinata agli esiti della valutazione del progetto. Tale valutazione dovrà essere sostenuta dai dati raccolti tramite gli strumenti di valutazione delle singole attività. Dovrà quindi contenere un giudizio esplicito in termini di efficacia del progetto. I risultati attesi, indicati nell’obiettivo principale e negli obiettivi specifici del progetto di tirocinio, potranno discostarsi da quanto effettivamente ottenuto. In tal caso sarà utile produrre una breve spiegazione del fenomeno e suggerire una possibile soluzione o miglioramento. Può essere utile sottolineare che la valutazione deve essere effettuata rispetto all’efficacia del progetto e non esclusivamente in riferimento ai risultati raggiunti dall’utenza coinvolta nel progetto.

Errori comuni nella stesura del report finale
Come per il progetto di tirocinio anche per il report è necessario mantenere uno stile formale. L’errore più frequente nei report è l’utilizzo della prima persona e lo stile narrativo adottato nel testo. Il report di tirocinio è un documento che andrebbe scritto adottando un registro formale e ricordando che ogni asserzione dovrà essere supportata da basi teoriche o dai dati raccolti durante il tirocinio. 

Questo ci porta a considerare il secondo errore più frequente: l’uso di impressioni personali ricavate da una attività di osservazione non meglio specificata per considerare successi ed insuccessi nelle attività di tirocinio. Durante il tirocinio, per lo svolgimento del vostro progetto, dovreste aver adottato strumenti di valutazione specifici (questionari, griglie di osservazione, interviste, ecc.). Questi strumenti e i dati raccolti andranno dettagliatamente descritti nel report finale e utilizzati per fondare la valutazione del progetto.

Il terzo errore più frequente è pensare che i termini tecnici o ancor di più gli acronimi adottati quotidianamente nel contesto di tirocinio siano universalmente noti. Per questo motivo è necessario accompagnare ogni termine da una breve descrizione o da un riferimento bibliografico.

Alcuni suggerimenti
Può capitare di dover modificare l’obiettivo o altri aspetti del progetto in corso d’opera. In tal caso è necessario descrivere le condizioni cha hanno portato alla ridefinizione del progetto. Può essere utile esplicitare questi contenuti in una parte apposita di introduzione al report.

Nel caso in cui riportiate estratti di interviste dovrete assicurarvi di aver raccolto e conservato una copia del consenso informato per il trattamento dei dati oppure dovrete assicurarvi di rendere non riconoscibile l’intervistato usando uno pseudonimo. Visto l’oggetto della maggior parte dei progetti di tirocinio, questo potrebbe essere molto difficile.

Nel caso in cui vogliate allegare fotografie in cui sono ritratti dei soggetti, minori o non, dovrete renderne irriconoscibile il volto tramite l’utilizzo di un software di foto ritocco.

Lascia un commento